I News You

giugno 5, 2008

Tav. Unaltracittà/Unaltromondo. Comunicato stampa. 05 giugno 2008

Filed under: comunicati stampa,notizie,tav — Andrea Tj @ 4:20 pm
Tags: , , , , , ,
Firenze
05 giugno 2008
Comunicato stampa Unaltracittà/Unaltromondo
Alta Velocità: passi in superficie e si connetta con mobilità urbana.

Sul fronte dell’attraversamento da parte dell’Alta Velocità ferroviaria del nodo fiorentino ci sono studi e proposte che smentiscono chi, come i nostri amministratori, etichetta tutti quelli che criticano le loro scelte come fautori del NO a tutti i costi.

Da una parte c’è una soluzione perseguita con (cieca) determinazione dalle amministrazioni che impone un’opera gigantesca, 7 chilometri e più di tunnel sotto il tessuto urbano di Firenze e una nuova stazione sotterranea in mezzo ad altre tre esistenti in superficie sotto la Fortezza. Il tutto per aggiungere due binari. Opera che ha costi economici rilevantissimi (circa 1 miliardo di euro) ma anche costi ambientali certi (basta pensare a oltre un decennio di cantierizzazioni) e rischi elevati: tanto per dire si è adottato lo stesso percorso progettuale e procedurale dei lavori in Mugello, che ha portato ad un disastro ambientale irreversibile, con un processo penale aperto e danni stimati dai periti della difesa in 900 milioni di euro.

C’è invece chi, motivatamente, sostiene non solo che questo intervento non si deve fare perché troppo costoso, troppo impattante e troppo pericoloso. Ma anche perché si può ottenere lo stesso risultato (due binari in più fra Campo di Marte e Castello) con interventi di entità (e quindi di costo e di impatto) molto minore, aggiungendo i due binari in superficie, a fianco degli attuali, e utilizzando una delle stazioni esistenti opportunamente riadattata. E’ il caso del Gruppo Tecnico formatosi presso la Facoltà di Architettura, che dopo aver pubblicato un rapporto estremamente critico sulla Valutazione di Impatto Ambientale del sottoattraversamento, esamina ora in uno studio, che sarà presentato il prossimo 20 giugno, ipotesi alternative quali appunto il passaggio in superficie, ma anche l’integrazione delle linee ferroviarie esistenti in città all’interno del sistema della mobilità urbana.

Perché la mobilità va studiata nella sua complessità prima di fare gli interventi, e non come fa il comune di Firenze, che prima cerca di realizzare la tramvia e considera il sottoattraversamento irrinunciabile, poi si accorge di non avere un vero Piano Integrato della Mobilità e infine annuncia un Tavolo della Mobilità dal quale esclude i soggetti che in questi anni di infrastrutture e mobilità si sono occupati.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: